domenica 23 novembre 2008

Sei gradi di separazione

Quant'è piccolo il mondo!

Come si va a spulciare nei social-network per non sentirsi più soli? Trovo significativo munirsi di una buona pazienza per trovare le persone Giuste. Una vita sola non basta per conoscere il Giusto. Allora si ad ogni mezzo che svii il percorso già tracciato dal fato. Un tepore nuovo: PIACERE DI CONOSCERTI, il via ad un cambiamento. Dove si andrà a finire? Una miriade di nomi da ricordare, un agenda piena zeppa di Cognomi dalla A alla Z, numeri, link...

Un mondo fitto di reti in cui ci si può intrappolare con una facilità unica, dove non ci sono più le sorprese. A Programma, su agende, non puoi dimenticarti che si esiste! La parola "Addio" è obsoleta. Quindi si rimane seduti ad aggiungere e inventarsi frasi d'impatto, e via via il numero di contatti cresce e si diventa popolari. Fame di fama, curriculum vitae zeppo? Sei qualcuno e allora accetto... è così! Le strade reali vanno percorse. Essere un ologramma e saper stringere la mano. Basta un niente e si è a casa a completare l'opera. Dov'è l'amata voglia di vivere?
Non si distingue? Non ci si perde, non ci si ritrova più spaesati in un posto dove non si conosce nessuno perché oramai tutti conoscono tutti.
Invece nessuno conosce nessuno come si dovrebbe e la vita è sempre più piatta, via gli imprevisti e vai al predestinarsi di giornate digitali...


http://it.youtube.com/watch?v=OgnZxbACj9E

Nessun commento: