lunedì 8 dicembre 2008

Usa e getta








Fu il moto ondulatorio che condizionò il lercio in questo suolo. Fu mille esempi alla Maciste per non dire tutto il resto. Fu uno alla volta a mascherare quel detto a ecc ecc. Fui misantropo e nibelungo nel tenermi nel taschino tutto il segreto del detto e non detto, a termini usati con parsimonia per non ammalarmi.
Ci spasi su una dose di meschina vigliaccheria, in viltà, così mi appresto a sparire nelle lenzuola che un tempo mi hanno cullato. Oggi si compie un gran passo all'indietro, mi placo, meglio "si fa per dire" mi oppongo a me stesso.
Si salta alla rinfusa ogni causale litania di scarsi consensi e vado a cercarmi comunque una ragione tra le scartoffie che ho da qualche parte, quei libri che non ho finito di leggere che sono sistemati sulla mensola, ma a che serve? Forse getto via tutto come se nulla mai fosse stato mio.

Nessun commento: