sabato 17 gennaio 2009

In Lutero

PantaGruelici si è! Nell'utero, siamo smisuratamente ingordi e fagocidi...
- Nessuno è certo della sincerità della propria contrizione, tanto meno del conseguimento della remissione plenaria - nelle foto/feto ecografiChe!?
Pennyroyal Tea: distillare la vita che è dentro di se..
Datemi quel che è rimasto dopo Leonard Cohen, cosicché si possa singhiozzare in eterno...

In che senso ci opponiamo al riufito di una vita? Che considerazioni si hanno degli altri mentre si ha scarsa considerazione di sè? Il nocciolo della questione è questo, a che pro opera la nostra coscienza quando si dice che una persona, che fondamentalmente morta potrebbe donare una vita?
Lo so meno di tutti, mi chiedo come sia possibile ricevere una vita dove quella che te la dona non ce l'ha?
Io sono contro ogni uso di strumentalizzazione di questa storia, per altri fini, tenere in vita una persona dicendo che questa potrebbe ancora donare vita, quando sta in coma da tantissimi anni, non mi sembra giusto...
Meglio la morte a questo punto.

Nessun commento: