sabato 22 gennaio 2011

Tutta Roba Nostra, nuovo video dei Ministri

Questi Ministri qui dopo l'acclamato "Tempi bui" non si sono concessi nemmeno una pausa, soprattutto dopo aver girato l'Italia in lungo e in largo e subito ad ottobre del 2010 sono usciti con un album nuovo di zecca. Il nuovo album in questione si chiama "Fuori" ed è il quarto prodotto dalla band, il terzo sotto la Universal. Il disco è più moderato rispetto i precedenti, anche se i testi sono sempre ben curati e ricchi di buoni spunti, grazie alla notevole capacità di scrittura di Federico Dragogna, con temi sempre d'impatto come ad esempio il testo di "Noi Fuori" che rappresenta un pò lo stile ed i temi che sono spesso trattati dalla band. Il nuovo videoclip del brano "Tutta Roba Nostra" è stato realizzato dal bravissimo regista Fabio D'Orta, famoso per aver vinto nel 2008 il contest di Qoob tv per la realizzazione del video di Isacco Nucleare dei Verdena.


Video:http://www.youtube.com/watch?v=9YWyIL9GoYU&hd=1

Nel video è presente nei panni di attrice Sofia degli Iori's Eyes amica di Federico Dragogna che aveva curato loro la produzione dell'Ep "And Everything Fits in the Yellow Whale". Un video molto bello e ricco di animazioni eccezionali. Come al solito nei video del giovane regista tutto avviene all'interno di una grande città. I Ministri spiegano che: “Milano è la nostra città. Non è bella, non è ospitale, non è verde, e per come tratta noialtri che la viviamo ogni giorno – non sembra più neanche nostra. Tutta Roba Nostra parla di questo – del fatto che il mondo un giorno, che ci piaccia o meno, sarà nostro e del fatto che nulla è perduto. Per quanto grigi e alti e inaccessibili siano i palazzi che ci circondano, non si può smettere di credere di poter ricavarne qualcosa di bello. Fabio D’orta ha fatto diventare le nostre parole realtà, anche se è una realtà che dura appena i quattro minuti di una canzone. Speriamo che bastino per tutti quelli che, vedendola, la crederanno ancora possibile”.

FUORI

Per quanto il nuovo album "Furoi" non mi sia piaciuto, trovo che i Ministri siano comunque da elogiare, perché penso che le loro canzoni trasmettano dei messaggi importanti - di critica verso una società che sta andando verso direzioni sbagliate. Il fatto che abbiano intrapreso una via più moderata rispetto agli album precedenti è significativo per la loro carriera, che di sicuro li rafforzerà, e con l'aiuto dei media sono sicuro che riusciranno a crearsi un'icona forte nel mainstream che io detesto, ma che comunque rispetto. Quando vedo questo tipo di band che lottano per arrivare a competere con i "grandi" della musica è un piacere allora spendere del tempo e dire ancora due parole. Oggi come oggi fare delle scelte, dopo esser arrivati ad un certo punto di un cammino non è facile, puoi predicare bene e razzolare male che tanto la gente non ti dirà poi tanto male, in fin dei conti lo scopo del musicista è quello di farsi ascoltare il più possibile, con questo voglio dire che magari a volte si fanno scelte che fanno allontanare molti fan della prima ora per acquistarne molti altri. Quest'altro video la dice lunga sul cammino intrapreso da questa band:
http://www.youtube.com/watch?v=JZ7hnAfq2G0
Non voglio dilungarmi sul perché una band scelga di tagliarsi la faccia suonando in radio e tv con uno come Morgan, ma voglio dire che i Ministri in fin dei conti sono stati sempre degli ottimi ruffiani. Già il nome Ministri ce lo fa intuire per bene, chi più dei Ministri possono essere ruffiani? I Ministri appunto! Criticare dei giovani musicisti in ascesa come loro mi sembra un sacrilegio.

Nessun commento: